News e rassegna stampa

INPS: POSIZIONE CONTRIBUTIVA AZIENDALE -COMUNICAZIONE UNITA' OPERATIVE

Ai fini dell’accentramento contributivo, tutti i datori lavoro che operano con dipendenti su più unità operative hanno l’obbligo di effettuare la comunicazione telematica.

L’Inps, con circolare 172 del 31 dicembre 2010, aveva fornito indicazioni in merito costituzione della posizione contributiva aziendale e alla facoltà, per i datori di lavori in possesso di più matricole aventi classificazioni omogenee, di accentrare gli adempimenti contributivi su una sola posizione.

L’Istituto, con messaggio n. 4999 del 21 marzo 2012 (che alleghiamo), precisa che, accanto all’esigenza di unificare in un unica posizione contributiva i versamenti della contribuzione dovuta, si affianca quella di conoscere l’effettiva dislocazione territoriale della forza occupazionale dell’azienda, al fine di ottimizzare la gestione di alcuni istituti di sostegno al reddito.

Pertanto tutti i datori lavoro che, dall’1/1/2011, operano con dipendenti su più unità operative, nonchè tutte le aziende che, precedentemente a tale data, operavano ed operano su più realtà territoriali, in possesso o meno di un provvedimento autorizzativo all’accentramento contributivo, hanno l’obbligo di effettuare la comunicazione telematica delle unità operative. Per la procedura di comunicazione telematica si rinvia alla citata circolare n.172/2010.

L’Inps, infine, ricorda che nelle ipotesi di operazioni societarie, che comportano il passaggio di lavoratori ai sensi dell'art. 2112 c.c., e nei casi di cessione del contratto di lavoro, le operazioni di conguaglio dei contributi previdenziali devono essere effettuate dal datore di lavoro subentrante, tenuto al rilascio della certificazione CUD, con riferimento alla retribuzione complessivamente percepita nell'anno, ivi incluse le quote retributive da assoggettare allo sgravio sul II livello contrattuale, le erogazioni liberali ed i “fringe benefit”.
A tal proposito, l’Istituto precisa che, nei casi di passaggio di lavoratori da una matricola ad un’altra, anche nelle ipotesi di operazioni societarie, è necessario valorizzare l’elemento <MatricolaAzienda> con l’indicazione della matricola di provenienza ed utilizzare, altresì, il previsto codice tipo assunzione/cessazione “2T”.

Allegato.